Obblighi Normativi
IVASS (ISVAP)

La normativa che impone la formazione obbligatoria per il settore dell'intermediazione assicurativa proviene essenzialmente dall'art. 183 del Codice delle Assicurazioni, che ha dato luogo al Regolamento n. 5 dell'ISVAP (oggi IVASS), leggermente modificato dai due Provvedimenti indicati nella pagina successiva.

- Art. 183 D.Lgs. 209/2005.
- Reg. n. 5 Disciplina dell'Attività di Intermediazione di cui agli artt. 17, 21, 38, 39, 40, 42 e ss.
- Provv. n. 2720 del 02/07/2009.
- Provv. n. 2743 del 27/10/2009.
- Reg. ISVAP n. 34 del 19 marzo 2010
- Reg. IVASS n. 6 del 2 dicembre 2014

IVASS

Cat. Iscrizione RUI Normativa Primo anno o post sospensione Aggiornamento biennale
A - Agenti di assicurazione e addetti all'interno dei locali Art. 4 Com. 2 del Regolamento IVASS n. 6/2014 Corso di preparazione all'esame RUI sez. A 60 ore, almeno 15 svolte nel primo anno
B - Brokers e addetti all'interno dei locali Art. 4 Com. 2 del Regolamento IVASS n. 6/2014 Corso di preparazione all'esame RUI sez. B 60 ore, almeno 15 svolte nel primo anno
C - Produttori diretti di compagnie di assicurazione Art. 4 Com. 1 del Regolamento IVASS n. 6/2014 60 ore, con esame finale in presenza Corso di 60 ore, almeno 15 svolte nel primo anno
D - Banche, Posta, Sim, ex art.107 TUB Art. 4 Com. 1 del Regolamento IVASS n. 6/2014 per addetti all'interno dei locali 60 ore, con esame finale in presenza Corso di 60 ore, almeno 15 svolte nel primo anno
E - Collaboratori esterni di intermediari Art. 4 Com. 1 del Regolamento IVASS n. 6/2014 60 ore con esame finale in presenza 60 ore, almeno 15 svolte nel primo anno
Addetti al CALL CENTER Art. 4 Com. 3 del Regolamento IVASS n. 6/2014 30 ore con esame finale in presenza 30 ore, almeno 15 svolte nel primo anno

OAM

- Decreto Legislativo 14 dicembre 2010, n. 218.
- Decreto Legislativo 13 agosto 2010, n. 141.
- Legge 7 luglio 2009, n. 88 (disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunità Europee - Legge Comunitaria 2008), in particolare l'art. 33
- Direttiva 2008/48/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 aprile 2008, Legge 28 dicembre 2005, n. 262
- Decreto Ministeriale Economia e Finanze 13 dicembre 2001, n. 485
- D.P.R. 28 luglio 2000, n. 287
- Decreto Legislativo 25 settembre 1999, n. 374
- Decreto Legislativo 26 maggio 1997, n. 153, convertito con modificazioni, dalla legge del 5 luglio 1991, n. 197
- Legge 7 marzo1996, n. 108
- Circolare 6/12 OAM.
- Circolare OAM n. 19/2014
- Circolare OAM n. 20/2014
- Circolare OAM n. 22/2015

Normativa Primo anno o post sospensione Aggiornamento biennale
Agenti in Attività Finanziaria e Mediatori Creditizi Art. 3 Com. 2 della Circolare OAM n. 19/2014 Almeno 10h con esame presso OAM 60 ore, almeno 15 svolte nel primo anno
Dipendenti e Collaboratori di Agenti in Attività Finanziaria e Mediatori Creditizi Art. 3 Com. 2 della Circolare OAM n. 19/2014 Almeno 10h con prova valutativa presso OAM 60 ore, almeno 15 svolte nel primo anno
Agenti per i servizi di pagamento Circolare OAM n. 20/2014 Corso di 8 ore Corso di 4 ore annuali

CONSOB

Requisiti per l'esercizio dell'attività di promotore finanziario

Il promotore finanziario può esercitare la professione solo in seguito all'iscrizione all'Albo unico dei Promotori Finanziari articolato in sezioni territoriali.

Alla tenuta dell'Albo provvede un Organismo, costituito dalle associazioni professionali rappresentative dei promotori e dei soggetti abilitati (ABI, ANASF, ASSORETI).

Per potersi iscrivere all'Albo unico dei promotori finanziari i soggetti interessati devono essere in possesso dei requisiti di onorabilità e professionalità fissati con decreto dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, sentito il parere della CONSOB (art. 31, comma 5, TUF).

L'accertamento dei requisiti di professionalità deve compiersi sulla base di rigorosi criteri valutativi che tengano conto della precedente esperienza professionale, validamente documentata, ovvero sulla base di prove valutative indette dall'Organismo per la tenuta dell'Albo.

In particolare, è necessario che il candidato abbia superato la prova valutativa, salvo che possa vantare particolari requisiti professionali (precedente esperienza nel settore) che lo esonerano dall'obbligo di sostenere detto esame.

Esonero dalla prova valutativa

Sono esonerati dal superamento della prova valutativa coloro che hanno acquistato una specifica esperienza professionale nello svolgimento delle seguenti attività (artt. 3, comma 3, e 4 del D.M. 472/98):

- agenti di cambio;
- negoziatori abilitati ad operare nei mercati regolamentati;
- funzionari di banca o di Sim addetti per almeno tre anni (anche non consecutivi) a uno dei settori di attività autorizzate inerenti ai servizi di investimento oppure (solo per i funzionari di istituti di credito) alla commercializzazione di prodotti finanziari della banca;
- dipendenti di banca o di Sim responsabili di un'unità operativa (agenzia, filiale, ufficio) addetti, sempre per almeno tre anni anche non consecutivi, a uno dei settori di attività autorizzate inerenti i servizi di investimento responsabili del controllo interno di banche o di Sim (sempre per i soliti tre anni anche non consecutivi).

Nuova prova valutativa

La nuova prova valutativa viene indetta dall'Organismo, attualmente con una cadenza di tre sessioni per anno e consiste in un'unica prova scritta, completamente informatizzata, con l'utilizzo di un PC a disposizione di ciascun candidato. È stata soppressa la prova orale.

La prova sarà composta da un esame teorico-pratico in forma di test con 60 quesiti a risposta multipla (una corretta e tre "distrattori"). La componente pratica è assicurata da uno specifico numero di quesiti che, attraverso la risoluzione di casi esemplificativi, mettono alla prova le capacità del candidato di applicare le conoscenze di cui è in possesso.

La durata della prova è di 85 minuti.

La prova ha carattere di selettività, giacchè il punteggio minimo per superare la prova, il cui esito sarà comunicato al termine della sessione d'esame, sarà di 80 su una votazione massima di 100. Ciascuna prova si compone di 28 domande teoriche da due punti, di 12 domande pratiche da due punti e di 20 domande teoriche da un punto.

Per quanto riguarda i quesiti orientati alla soluzione di casi pratici, costituiscono il 20% del database di domande (1.000 su 5.000) e sono presenti in ogni prova in numero di 12 (cioè il 20% dei 60 quesiti). Per le materie con minori domande comparirà comunque almeno 1 quesito pratico.

Le prove si svolgono in aule informatizzate con una capienza media da 50 a 100 postazioni. Considerati i tempi e le caratteristiche della prova valutativa, ogni aula informatizzata ospiterà fino a due prove valutative al giorno.

Normativa

- Legge 28 dicembre 2005, n. 262 (c.d. Legge Risparmio).
- Decreto Ministeriale 11 novembre 1998 n. 472.
- Delibera Consob n. 16190 29 ottobre 2007.
- Delibera Consob n. 16736 18 Dicembre 2008.
- Regolamento recante norme di attuazione del de
creto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 in materia di intermediari.
- Modificazioni e integrazioni al regolamento recante norme di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 concernente la disciplina degli intermediari, adottato con delibera n. 16190 del 29 ottobre 2007.
- Provvedimento Banca d'Italia/Consob del 29/10/2007.
- Regolamento in materia di organizzazione e procedure degli intermediari che prestano servizio di investimento o di gestione collettiva del risparmio.

SICUREZZA

La sicurezza nei luoghi di lavoro

Atoma, in qualità di Soggetto Formatore accreditato presso la Regione Lombardia per l'erogazione di corsi di formazione alle aziende, è entrata a pieno titolo nell'attività di "Formazione sulla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro" quale C.F.A. (Centro di Formazione Aifos), la più autorevole associazione di formatori in materia accreditata presso le maggiori istituzioni nazionali.

Atoma, infatti, ha sviluppato la sua attività di formazione relativa alle problematiche di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro non solo come mero adempimento legale che le Aziende e i Datori di lavoro devono soddisfare, ma bensì considerando l'esigenza, di tutti i soggetti coinvolti, di implementare una vera e propria cultura della tutela della Salute e della Sicurezza aumentando nei Lavoratori la consapevolezza di essere attori principali del processo di miglioramento dei livelli di prevenzione e protezione aziendali.

A tale scopo la nostra società si è dotata di Formatori qualificati che non si limitano ad una semplice esposizione degli argomenti obbligatori previsti dalle normative vigenti ma, grazie alla pluriennale esperienza consulenziale e formativa in svariate attività lavorative, danno alla formazione il valore aggiunto dei casi pratici vissuti e gestiti in prima persona coinvolgendo i discenti ed elaborando casi di studio finalizzati alla risoluzione di problematiche reali presenti nelle realtà lavorative.

Atoma &egarve; ovviamente in grado di soddisfare tutti i bisogni formativi obbligatori delle Aziende con percorsi in linea con i requisiti previsti dal D. Lgs. 81/2008 e dagli Accordi Stato Regioni sulla formazione ma, soprattutto, progetta corsi di formazione personalizzati sulla base di attente analisi dei bisogni formativi aziendali e, quando necessario, dei singoli lavoratori.

Siamo in grado di erogare tutti i corsi, oltre che con la classica Aula Frontale anche con una vasta gamma di corsi in modalità E-learning in piena conformità ai requisiti di legge. Naturalmente sarà nostra cura supportare tutti i nostri clienti, oltre che nella formazione teorica anche in tutta la formazione pratica sul "campo" con le relative esercitazioni finali che porteranno alla certificazione della formazione con rilascio dell' attestato nominale Aifos anti-contraffazione.